Ricerca  
lunedì 23 settembre 2019 ..:: Home » News precedenti » Quando la ragione non cerca la fede ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video

Fisichella: ricerca libera, ma non libertaria

La cultura tramite privilegiato tra fede e ragione

da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM

Il benvenuto al Pontefice del presidente francese Nicolas Sarkozy
da L'Osservatore Romano,
testo completo, SRM

L'opportunità di una vera liberazione spirituale
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link  
articolo Osservatore Romano, SRM

L'incontro con il Papa un evento memorabile
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM
 
Nel paese dei miracoli
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link  articolo Osservatore Romano, SRM

La riflessione di Joseph Ratzinger sull’evoluzione
di Gennaro Auletta
link testo completo, SRM

Darwin? Un'occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link 
SRM, articolo Osservatore Romano

LHC CERN: intervista esclusiva al Prof. Michelangelo Mangano
link

Il clima al Meeting: "Atmosphera", intervista al prof. Gargantini
Link

Verso un nuovo concetto di specie ? L'intervista al Prof. Gennaro Auletta
Link 
notizia completa, SRM

Laser per immagini simili alla Sindone: intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini
Link 
SRM, notizia breve con immagini


Tutta la Creazione geme: il dibattito su creazione ed evoluzione

La conferenza a Sidney del Cardinale Christoph Schönborn sul tema dell'evoluzione.
SRM, testo completo Zenit

Un nuovo concetto di specie ?
Intervista SRM al Prof. Gennaro Auletta

Questione ecologica e vita dell'uomo nel mondo
da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

La disperata ricerca di una zattera di ghiaccio

da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

Immagini della Sindone riprodotte con Laser
Intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini

Verso un nuovo concetto di specie ?
La Scuola estiva di Poblet propone un nuovo concetto di specie, SRM

Il darwinismo da diversi punti di vista
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano 13 luglio 2008

La falsa contrapposizione tra scienza e fede
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano, 4  luglio 2008

Intervista a Mons. Gianfranco Ravasi
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link 
Infoethics

Lo statuto dell'essere umano nell'epoca della scienza
Mons. Marcelo Sanchez Sorondo

da L'Osservatore Romano, 23-24 giugno 2008

Intervista a Mons. Lorenzo Leuzzi 
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link  Infoethics

Evoluzione e Creazione. Una falsa antinomia
Mons. Gianfranco Ravasi

L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Rilanciamo la filosofia per comprendere meglio la modernità
L'udienza di Benedetto XVI ai partecipanti al sesto Simposio europeo dei docenti universitari
da L'Osservatore Romano, 7 giugno 2008
Link 
L'Osservatore Romano

Allargare gli orizzonti della razionalità - Card. Camillo Ruini
da L'Osservatore Romano, 6 giugno 2008

L'evoluzione del dialogo - Tomasz Trafy, Gennaro Auletta
Il Sole 24 Ore, 6 aprile 2008

L'extraterrestre è mio fratello - Padre J.G.Funes
L'Osservatore Romano, 14 maggio 2008

Link 
News precedenti

 



Un incontro a Roma sui rapporti tra scienza e religione

Quando la ragione non cerca la fede
da L'Osservatore Romano, 26-27 maggio 2008

di Luca M. Possati

"Nelle dispute di problemi naturali non si dovrebbe cominciare dalle autorità di luoghi delle Scritture, ma dalle sensate esperienze e dalle dimostrazioni necessarie". Con queste parole, nella famosa lettera alla granduchessa madre Cristina di Lorena (fine dell'estate 1516), Galileo Galilei apriva le porte di una questione abissale: quali sono i limiti dell'autonomia scientifica? Fin dove la scienza può spingersi senza la Rivelazione, senza un sapere ultimo dell'uomo e della sua salvezza? Scrittura e natura procedono entrambe "dal Verbo divino", scriveva il pisano alla nobildonna, "quella come dettatura dello Spirito Santo, questa come osservantissima esecutrice de gli ordini di Dio". La Scrittura ci parla della salvezza, delle verità rivelate e soprannaturali, ma non delle conoscenze naturali, quelle che possiamo conoscere con i sensi e con l'intelligenza matematica. Essa dunque non può essere usata per confutare una verità dimostrata dalla scienza sperimentale.

A circa cinquecento anni di distanza, la distinzione posta dal Galilei resta ancora al centro del dibattito scientifico, tema di discussione per scienziati, teologi, filosofi ed esegeti. A dimostrarlo è stato l'incontro intitolato "Per la formazione scientifica ed altri saperi", tenutosi venerdì 23 maggio presso l'oratorio del Collegio Romano a Roma, al quale sono intervenuti, tra gli altri, José Funes, direttore della Specola Vaticana, Renato Guarini, Rettore dell'università "La Sapienza", Giorgio Israel, docente di Storia della matematica a "La Sapienza", Luciano Maiani, presidente del Cnr e Giancarlo Pani, dal 2003 rettore della "Chiesa della Sapienza", la Cappella del primo Ateneo romano.

Al centro del dibattito, il dialogo tra i saperi per le giovani generazioni nel contesto universitario ed ecclesiale, senza dimenticare le note vicende del gennaio scorso: la mancata visita di Benedetto xvi allo Studium Urbis.

È una tendenza dominante tra gli scienziati di oggi cercare di dimostrare la propria scientificità facendo ricorso ad un intransigente materialismo e ad un rigoroso metodo naturalista. In tale prospettiva, misura del sapere sarebbe soltanto l'empiricamente attestabile. "Ma una visione di questo tipo - ha spiegato Israel - deriva da una considerazione distorta della storia della scienza". L'importante è "evitare i fraintendimenti", ha aggiunto il docente, perché "molti scienziati del passato non sono stati materialisti". Il vero rischio "è credere che l'unica forma di razionalità sia quella naturalistica".

Occorre cambiare prospettiva: non bisogna cercare il conflitto tra fede e ragione là dove esso non c'è. "Tutti i grandi pensatori della Rivoluzione scientifica sono stati perseguitati", ha precisato Israel. Ciò non significa che in quel periodo si sia prodotto una scontro intrinseco tra fede e ragione. "Galilei, Descates, Newton, Copernico sono stati grandi teologi laici, con una propria visione teologica e filosofica" tanto che "il senso di molti concetti fondativi delle loro teorie non si può capire se non si fa riferimento a questa visione teologica di fondo". Così - secondo lo storico della matematica - fare della scienza il "baluardo dell'ateismo" è sbagliato, perché significa "assegnare alla scienza qualcosa che non le appartiene affatto" creando "scissioni controproducenti, negative sia per le scienze naturali, sia per le scienze umane".

Alla luce di simili considerazioni, le critiche sollevate da molte parti alla visita di Benedetto xvi a "La Sapienza" sono state il sintomo di un profondo fraintendimento del compito della scienza. Come affermava l'allora cardinale Joseph Ratzinger nella conferenza del 15 febbraio 1990 - quella al centro delle contestazioni del gennaio scorso - "La fede non cresce a partire dal risentimento e dalla messa in questione della razionalità, ma solo a partire da un suo fondamentale apprezzamento e da una più ampia ragionevolezza". "L'autonomia del sapere scientifico - ha ribadito Israel - è qualcosa di imprescindibile". Nella vicenda della visita mancata "si possono ritrovare due elementi: un equivoco, cioè il pensare che quella visita fosse solo per l'inaugurazione dell'anno accademico, e la valutazione sbagliata di un'affermazione di Ratzinger nella conferenza del 1990. Fa parte dell'etica scientifica ammettere i propri errori, ma questo ancora non è accaduto". In quella conferenza Ratzinger ha voluto mostrare come nel Novecento il mutato atteggiamento nei riguardi di Galilei fosse il segno di una profonda crisi di fiducia della scienza in se stessa. Proprio per questo, ha detto Israel, "Ratzinger è un galileiano".

Secondo Luciano Maiani, uno dei docenti che ha firmato la lettera al Rettore nella quale si auspicava che "l'incongruo evento" potesse essere "annullato", il "caso de "La Sapienza" non è sorto dalla contestazione del discorso del 1990". Quel che va ricordato dell'"episodio", piuttosto, è "la forte affermazione dell'autonomia della scienza e della formazione rispetto all'influenza del pensiero religioso".

"Sono uno scienziato - ha detto Maiani - e ho avuto la fortuna di crescere in un momento storico molto interessante per la mia disciplina, a contatto con persone straordinarie, tutte aperte al dialogo, di tutte le confessioni". I fisici sono naturalmente portati al dialogo, perché "la ricerca pone obiettivi ai quali tutti guardano e perciò, guardandoli, dimenticano le opposizioni storiche e ideologiche". Anche negli anni della Guerra Fredda, "la comunità fisica ha saputo mantenere aperto il dialogo tra Occidente e Unione Sovietica".
L'incontro all'oratorio del collegio romano è stata anche l'occasione per la presentazione del volume Ratzinger-Galileo alla Sapienza (Palermo, Sigma Edizioni, 2008, p. 80), che raccoglie il testo della conferenza del 1990, quello dell'Angelus di domenica 20 gennaio e la ricostruzione storica di Giancarlo Pani: Il caso Galileo: il metodo scientifico e la Bibbia.

© L'Osservatore Romano

Banner 25x4.jpg

link     SRM Newsletter n. 153

            altri numeri,  pdf o html

 

info e contatti: pcentofanti@gmail.com

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation