Ricerca  
mercoledì 23 ottobre 2019 ..:: Home » News precedenti » Embrioni chimera e orizzonti della biomedicina ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video

Fisichella: ricerca libera, ma non libertaria

La cultura tramite privilegiato tra fede e ragione

da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM

Il benvenuto al Pontefice del presidente francese Nicolas Sarkozy
da L'Osservatore Romano,
testo completo, SRM

L'opportunità di una vera liberazione spirituale
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link  
articolo Osservatore Romano, SRM

L'incontro con il Papa un evento memorabile
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM
 
Nel paese dei miracoli
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link  articolo Osservatore Romano, SRM

La riflessione di Joseph Ratzinger sull’evoluzione
di Gennaro Auletta
link testo completo, SRM

Darwin? Un'occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link 
SRM, articolo Osservatore Romano

LHC CERN: intervista esclusiva al Prof. Michelangelo Mangano
link

Il clima al Meeting: "Atmosphera", intervista al prof. Gargantini
Link

Verso un nuovo concetto di specie ? L'intervista al Prof. Gennaro Auletta
Link 
notizia completa, SRM

Laser per immagini simili alla Sindone: intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini
Link 
SRM, notizia breve con immagini


Tutta la Creazione geme: il dibattito su creazione ed evoluzione

La conferenza a Sidney del Cardinale Christoph Schönborn sul tema dell'evoluzione.
SRM, testo completo Zenit

Un nuovo concetto di specie ?
Intervista SRM al Prof. Gennaro Auletta

Questione ecologica e vita dell'uomo nel mondo
da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

La disperata ricerca di una zattera di ghiaccio

da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

Immagini della Sindone riprodotte con Laser
Intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini

Verso un nuovo concetto di specie ?
La Scuola estiva di Poblet propone un nuovo concetto di specie, SRM

Il darwinismo da diversi punti di vista
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano 13 luglio 2008

La falsa contrapposizione tra scienza e fede
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano, 4  luglio 2008

Intervista a Mons. Gianfranco Ravasi
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link 
Infoethics

Lo statuto dell'essere umano nell'epoca della scienza
Mons. Marcelo Sanchez Sorondo

da L'Osservatore Romano, 23-24 giugno 2008

Intervista a Mons. Lorenzo Leuzzi 
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link  Infoethics

Evoluzione e Creazione. Una falsa antinomia
Mons. Gianfranco Ravasi

L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Rilanciamo la filosofia per comprendere meglio la modernità
L'udienza di Benedetto XVI ai partecipanti al sesto Simposio europeo dei docenti universitari
da L'Osservatore Romano, 7 giugno 2008
Link 
L'Osservatore Romano

Allargare gli orizzonti della razionalità - Card. Camillo Ruini
da L'Osservatore Romano, 6 giugno 2008

L'evoluzione del dialogo - Tomasz Trafy, Gennaro Auletta
Il Sole 24 Ore, 6 aprile 2008

L'extraterrestre è mio fratello - Padre J.G.Funes
L'Osservatore Romano, 14 maggio 2008

Link 
News precedenti

 



Se è il progresso scientifico a definire il bene e il male

di Augusto Pessina
da L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Dopo che la Camera dei Comuni britannica ha aperto la strada alla creazione degli embrioni ibridi uomo-animale abbiamo assistito alla grande soddisfazione di molti ricercatori che hanno visto in questa decisione una grande vittoria del progresso scientifico biomedico. C'è invece una notizia che nessuno purtroppo vuole dare:  la cosiddetta "biomedicina" è malata anch'essa di una patologia grave e, se non curata, porterà danni irreparabili.

Il primo sintomo della patologia è già insito nell'ambiguo termine "biomedicina" che nell'immaginario collettivo è diventata una specie di "zona franca", dove sembra possibile fare di tutto. Da una parte la ricerca biologica, circonfusa di un alone di sacralità "medica" - leggi:  votata alla cura e alla terapia - può finalmente condurre tutte le sue sperimentazioni anche le più aberranti e inutili. Dall'altra, la medicina sembra perdere ogni giorno coscienza del suo vero compito che è di prendersi cura dell'uomo per guarirlo dalla malattia, ove possibile; alleviarne le sofferenze e accompagnarlo fino a morte dignitosa ove la guarigione non sia possibile. La medicina può e deve utilizzare tutte le conoscenze biologiche a patto che non annullino la sua missione e il rispetto della dignità umana.

Leggendo quanto affermato da Benedetto XVI a Ratisbona - e in molte altre occasioni - si capisce meglio dove comincia la malattia della scienza. Da quando la "ragione" dell'uomo si è trasformata, da strumento di indagine e di apertura verso la realtà, a "misura" di tutto, l'assolutizzazione della ricerca scientifica e della scienza - in particolare biomedica - provoca una nefasta ricaduta sulla società. La scienza biomedica è oggi proposta e percepita come "il massimo bene" per l'uomo al quale sembra promettere non solo la salute - che peraltro non è in grado di garantire - ma anche una sorta di "salvezza".

La vera origine della questione è descritta, ancor più chiaramente, in un brano riportato nella enciclica Spe salvi là dove il Papa la ricollega al pensiero di Francesco Bacone (1561-1626). Come scrive Benedetto XVI:  "La novità - secondo la visione di Bacone - sta nella nuova correlazione tra scienza e prassi. Ciò viene poi applicato anche teologicamente. Questa nuova correlazione tra scienza e prassi significherebbe che il dominio sulla creazione, dato all'uomo da Dio e perso nel peccato originale, verrebbe ristabilito" (Spe salvi, 16). Se dunque questo dominio dell'uomo sulla creazione, perso con il peccato originale, viene ristabilito, significa che la "speranza di redenzione" può finalmente poggiare sulla "fede nel progresso". Si ha così l'evacuazione dell'aspetto più drammatico di tutta la storia dell'uomo dalla sua origine:  quello del bene e del male. Non è più il bene o il male a definire se il passo che si fa è realmente un progresso per l'uomo, ma è il progresso che stabilisce cosa sia bene e cosa male per l'uomo stesso.

Il fatto è , come scriveva anche il grande matematico Jules-Henri Poincarè, che "La scienza può farci conoscere i rapporti tra le cose, non le cose in quanto tali. Al di là di questi rapporti non c'è alcuna realtà conoscibile scientificamente. L'esperienza è la sola fonte di verità, essa sola ci può insegnare qualcosa di nuovo". Il concetto di esperienza ristabilisce correttamente il rapporto con la realtà perché l'esperienza implica quel livello assai misterioso dell'autocoscienza che è l'io di cui la scienza non si può occupare con il suo metodo. Per questo, un uomo che rifletta onestamente trova, al fondo della propria esperienza, indipendentemente dallo stato di benessere sociale, economico, di razza e religione, una risultante ultima e comune:  la percezione del "limite" e dell'impotenza di fronte al dolore e al male. Esperienza che si può negare solo ricorrendo alla illusione irrazionale che si tratti di una condizione transitoria che la scienza e la tecnologia saranno in grado di eliminare. Una semplice questione di tempo, poi i limiti e i bisogni di oggi saranno superati e risolti, il progresso stesso ci aiuterà a superare tutte le dipendenze.

È così che nella cosiddetta "scienza biomedica" ha preso corpo una forma di "utopia" che distrugge ogni costruttivo realismo fino a condurre a investire milioni di euro per ricerche, non solo aberranti, ma perfino "inutili", come queste degli ibridi. Con esse si promettono (domani) soluzioni a tutto e intanto si sottraggono fondi a quelle ricerche e a quegli interventi che, più realisticamente, potrebbero almeno migliorare in poco tempo molta pratica medica.

La crudeltà delle utopie è proprio nel fatto che, rimandando sempre al domani, negano una possibile esperienza positiva di umanità oggi, distruggendo così la possibilità di fare esperienza della speranza stessa. La speranza infatti vive ed è alimentata in un presente vissuto con la coscienza che la vita ha un significato oggi. E riconoscere il bisogno che un uomo vive "nell'oggi" costringerebbe la ragione a cercare un senso a quanto accade ora e che non dipende da me. Il domani lo si può svendere come un software dove tutto è virtuale, ma il gioco aiuta solo a dimenticare l'urgenza odierna di significato.

Alcune devastanti conseguenze della "fede nel progresso" sono bene descritte nella enciclica Spe salvi che al termine della analisi ribadisce, con l'intensità di un grido, quale sia l'unica vera possibilità di recupero e quindi di speranza. Scrive Benedetto XVI:  "Non è la scienza che redime l'uomo. L'uomo viene redento mediante l'amore. Ciò vale già nell'ambito puramente intramondano. Quando uno nella sua vita fa l'esperienza di un grande amore, quello è un momento di "redenzione" che dà un senso nuovo alla sua vita". E più avanti:  "L'essere umano ha bisogno dell'amore incondizionato. Se esiste questo amore assoluto con la sua certezza assoluta, allora - solo allora - l'uomo è redento, qualunque cosa gli accada nel caso particolare. È questo che si intende, quando diciamo:  Gesù Cristo ci ha "redenti "" (Spe salvi, 26).

Come ha denunciato Marc Gellman l'indomani della clonazione della pecora Dolly, nel dibattito organizzato dalla New York Academy of Science, "C'è una sapienza delle persone comuni che è stata ingiustamente oltraggiata da coloro che ritengono che non conoscere termini come aploide, diploide ed embrione totipotente sia moralmente disdicevole. C'è invece una forte e reale conoscenza che noi non siamo i creatori di noi stessi. Le nuove tecnologie minacciano questa fondamentale verità in modo potente e doloroso" ("The Sciences", 37; novembre 1997).

La prima elementare libertà dovrebbe essere nel riconoscere questa dipendenza per non divenire schiavi di noi stessi e dei nostri sogni.

* Università di Milano, Presidente dell'Associazione Italiana Colture Cellulari


Copyright L'Osservatore Romano

Link  SRM Blog

Fonte  DISF, Euresis

Banner 25x4.jpg

link     SRM Newsletter n. 153

            altri numeri,  pdf o html

 

info e contatti: pcentofanti@gmail.com

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation