Ricerca  
lunedì 19 novembre 2018 ..:: Home » News precedenti » La falsa contrapposizione tra scienza e fede ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video

Fisichella: ricerca libera, ma non libertaria

La cultura tramite privilegiato tra fede e ragione

da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM

Il benvenuto al Pontefice del presidente francese Nicolas Sarkozy
da L'Osservatore Romano,
testo completo, SRM

L'opportunità di una vera liberazione spirituale
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link  
articolo Osservatore Romano, SRM

L'incontro con il Papa un evento memorabile
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM
 
Nel paese dei miracoli
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link  articolo Osservatore Romano, SRM

La riflessione di Joseph Ratzinger sull’evoluzione
di Gennaro Auletta
link testo completo, SRM

Darwin? Un'occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link 
SRM, articolo Osservatore Romano

LHC CERN: intervista esclusiva al Prof. Michelangelo Mangano
link

Il clima al Meeting: "Atmosphera", intervista al prof. Gargantini
Link

Verso un nuovo concetto di specie ? L'intervista al Prof. Gennaro Auletta
Link 
notizia completa, SRM

Laser per immagini simili alla Sindone: intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini
Link 
SRM, notizia breve con immagini


Tutta la Creazione geme: il dibattito su creazione ed evoluzione

La conferenza a Sidney del Cardinale Christoph Schönborn sul tema dell'evoluzione.
SRM, testo completo Zenit

Un nuovo concetto di specie ?
Intervista SRM al Prof. Gennaro Auletta

Questione ecologica e vita dell'uomo nel mondo
da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

La disperata ricerca di una zattera di ghiaccio

da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

Immagini della Sindone riprodotte con Laser
Intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini

Verso un nuovo concetto di specie ?
La Scuola estiva di Poblet propone un nuovo concetto di specie, SRM

Il darwinismo da diversi punti di vista
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano 13 luglio 2008

La falsa contrapposizione tra scienza e fede
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano, 4  luglio 2008

Intervista a Mons. Gianfranco Ravasi
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link 
Infoethics

Lo statuto dell'essere umano nell'epoca della scienza
Mons. Marcelo Sanchez Sorondo

da L'Osservatore Romano, 23-24 giugno 2008

Intervista a Mons. Lorenzo Leuzzi 
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link  Infoethics

Evoluzione e Creazione. Una falsa antinomia
Mons. Gianfranco Ravasi

L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Rilanciamo la filosofia per comprendere meglio la modernità
L'udienza di Benedetto XVI ai partecipanti al sesto Simposio europeo dei docenti universitari
da L'Osservatore Romano, 7 giugno 2008
Link 
L'Osservatore Romano

Allargare gli orizzonti della razionalità - Card. Camillo Ruini
da L'Osservatore Romano, 6 giugno 2008

L'evoluzione del dialogo - Tomasz Trafy, Gennaro Auletta
Il Sole 24 Ore, 6 aprile 2008

L'extraterrestre è mio fratello - Padre J.G.Funes
L'Osservatore Romano, 14 maggio 2008

Link 
News precedenti

 



Creazione ed evoluzione concetti complementari

Di Mons. Fiorenzo Facchini
Da L'Osservatore Romano, 4 luglio 2008

Un principio molto importante nel rapporto tra scienza e fede è il riconoscimento da parte della Chiesa della legittima autonomia della scienza quando si muove nel suo campo e con i suoi metodi. E insieme con questo principio l'osservazione che le realtà profane e le realtà della fede hanno origine dal medesimo Iddio. Così nella Gaudium et spes del Vaticano II (cfr numeri 36 e 59). È un'autonomia che ben si inquadra in quell'autonomia che Dio creatore ha lasciato alle cose create.

Per contro va riconosciuta da parte della scienza analoga autonomia agli insegnamenti della fede. Quando queste autonomie non sono rispettate sorgono incomprensioni e conflitti, come la storia ci mostra.

Ciò premesso va detto che l'evoluzione dei viventi fa parte delle acquisizioni della scienza e viene considerata un fatto o meglio una serie di eventi che può spiegare tante osservazioni in vari settori della scienza, dalla paleontologia all'embriologia, all'anatomia comparata, alla genetica evolutiva, alla genetica molecolare, alla biologia di popolazioni.

Giovanni Paolo II, che è intervenuto più volte sull'argomento, nel messaggio alla Pontificia Accademia delle Scienze del 24 ottobre 1996 parlava di teoria evolutiva e non più di ipotesi come aveva fatto Pio XII. Lo stesso Benedetto XVI si è espresso con parole molto chiare in un incontro con i sacerdoti delle diocesi di Belluno e Treviso ad Auronzo il 24 luglio 2007:  "Ci sono tante prove scientifiche in favore di un'evoluzione che appare come una realtà che dobbiamo vedere e che arricchisce la nostra conoscenza della vita e dell'essere in quanto tale".

Queste posizioni della gerarchia cattolica non aggiungono nulla a quanto la scienza può dire, ma costituiscono un riconoscimento importante e rasserenante per un credente che guarda con favore all'evoluzione.

Il Catechismo della Chiesa cattolica si sofferma molto sulla creazione, ma non affronta il tema dell'evoluzione. Parla però del mondo creato da Dio che è "in stato di via verso la perfezione ultima. Nel disegno di Dio questo divenire comporta con la comparsa di certi esseri la scomparsa di altri, con il più perfetto anche il meno perfetto, con le costruzioni della natura anche le distruzioni" (310). Sembra quindi lasciare spazio alle cause e agli eventi della natura.

Nello stesso tempo va ricordato che se sull'evoluzione della vita il pensiero degli scienziati è presso che unanime, non altrettanto può dirsi circa le modalità e i meccanismi con cui si è svolto il processo evolutivo.

La teoria più accreditata resta quella del neodarwinismo o sintesi moderna, che peraltro, alla luce delle nuove scoperte nel campo della genetica evolutiva e di sviluppo e nella paleontologia, appare secondo molti studiosi non adeguata a rispondere a tutti i problemi che si pongono e bisognosa di integrazioni e ampliamenti. Si affacciano nuove vedute che potrebbero combinare insieme aspetti del neodarwinismo e del neolamarckismo, in una nuova visione delle cose.

Sull'argomento c'è da chiedersi se per la riconosciuta, reciproca autonomia della scienza e della Chiesa non ci sia nessun aspetto rilevante su cui la Chiesa non possa esprimersi. E, nel caso che ci fosse, su che cosa e in quali termini possa farlo.

La risposta va cercata su ciò che sta prima della scienza e rende possibile la scienza, e su ciò che sta oltre la scienza, nel senso che le cose hanno in forza del loro rapporto con il Creatore, ambiti che esulano dalla scienza in senso stretto, dalle metodologie delle scienze naturali e hanno piuttosto una connotazione filosofica o teologica.

Questi riferimenti non possono essere contestati dalle scienze empiriche, le quali peraltro non possono rispondere a tutti gli interrogativi che si pongono circa la realtà che ci circonda. Se la scienza volesse fare questo, pretendendo di essere l'unica fonte di conoscenza, assumerebbe una caratteristica totalizzante e scadrebbe nello scientismo.

Riconoscendo i limiti della scienza, nel suo orizzonte di significato e nelle metodologie impiegate, si ammette non solo ciò che sta prima e la rende possibile - l'esistere delle cose e la capacità di conoscerle - ma anche ciò che va oltre la scienza e appartiene all'ordine dei significati.

Si tratta allora di due magisteri, quello della scienza e della fede, indipendenti, fra i quali non può esservi opposizione, se si mantengono ciascuno nel rispettivo ambito? Così pensava Stephen Gould. Forse però questa posizione non tiene conto che possono esserci punti di contatto, quando sono trattate le stesse cose, ma sotto profili diversi.

I punti di contatto riguardano soprattutto le interpretazioni degli studiosi che possono sconfinare in campi diversi dal proprio, come di fatto è avvenuto storicamente in varie occasioni, e anche tuttora, quando l'evoluzione viene sostenuta in alternativa alla creazione, o viceversa quando viene negata l'evoluzione per sostenere la creazione, compiendo indebiti salti di corsia.

Non si può assumere la visione evolutiva per asserire che credere in Dio è irrazionale o che non ce n'è alcun bisogno, come affermano Dawkins e altri sulla stessa linea, oppure affermare che Dio non è dimostrabile con i metodi della scienza. Del tutto senza senso la utilizzazione della scienza in chiave ideologica antireligiosa che c'è stata e non è ancora scomparsa.

Su quanto messo in evidenza dalle osservazioni della scienza e tenendo sempre conto del grado di attendibilità, può svilupparsi un dialogo proficuo tra scienza e fede per domande diverse che possono sorgere dalla stessa materia.

Il dialogo può aiutare a purificare le proprie vedute dai possibili sconfinamenti sia da una parte che dall'altra, a stimolare anche a nuove vedute e a integrare le diverse forme di conoscenza. Non sarebbe corretto rifiutare una teoria scientifica - ad esempio il darwinismo - perché non si condividono le deduzioni che alcuni vorrebbero trarne in campo filosofico; come non sarebbe corretto extrapolare da vedute della scienza nozioni e modi di vedere di carattere filosofico o ideologico facendole passare come scienza.

"La scienza può purificare la religione dall'errore e dalla superstizione, mentre la religione può purificare la scienza dall'idolatria e dai suoi falsi assoluti", rilevava Giovanni Paolo II nella lettera al direttore della Specola Vaticana, padre George Coyne (1 giugno 1988), in cui si soffermava sulle possibilità e sul significato di un dialogo fecondo tra scienza e teologia. C'è bisogno sia in un campo che nell'altro di un discernimento a cui può contribuire il dialogo. Nello stesso tempo va ricercata quella sintesi delle diverse conoscenze che ogni persona, utilizzando i diversi approcci, può realizzare nella tensione verso la verità.

Alla luce di quanto è stato detto, la Chiesa è interessata al tema dell'evoluzione per quanto l'evoluzione suppone e per il senso che essa può avere andando oltre la dimensione biologica. Non è interessata alle modalità e ai meccanismi evolutivi.

A questo riguardo occorre distinguere tra le posizioni espresse dal magistero della Chiesa e quelle di cattolici.

Circa la storia della vita sulla terra vi sono alcuni punti che hanno rilevanza nel pensiero della Chiesa, in forza delle sue competenze per cui legittimamente essa si esprime. Essi riguardano la creazione, il progetto di Dio sul mondo e l'uomo.

Storicamente la visione darwiniana dell'evoluzione è venuta avanti in una certa contrapposizione con il concetto di creazione (Huxley, Haeckel, e così via). In campo cattolico la prima reazione fu di difesa con la riaffermazione della creazione. Due concetti, evoluzione e creazione, che oggi non si vedono in opposizione, se mantenuti nel rispettivo ambito, ma che scienziati e teologi hanno a volte trattato in modo contrapposto.

Basterebbe riflettere che uno appartiene alla scienza, l'evoluzione, e l'altro, la creazione, alla filosofia e teologia per ritenere che non sono comparabili e quindi non possono essere in conflitto fra loro. È una distinzione che oggi viene ammessa largamente, ma ha incontrato incomprensioni e difficoltà.

I recenti interventi del magistero della Chiesa riaffermando la creazione non hanno escluso l'evoluzione, come più sopra ricordato. Ma non c'è solo da riaffermare una distinzione di ambiti, c'è conciliabilità e armonia, perché l'uno e l'altro concetto rispondono a domande diverse circa il tema delle origini e concorrono all'unica verità delle cose. In ciò siamo aiutati dall'approfondimento teologico dell'idea di creazione che si avvale della mediazione filosofica.

Alle attuali aperture del magistero della Chiesa in tema di evoluzione hanno contribuito le ricerche teologiche sulla creazione seguite al Concilio Vaticano ii (Rahner, Schoonenberg, De Lubac, Moltmann, Ratzinger, Ganoczy, Ruiz de la Pena, Flick, Martelet, e così via). Molto significativo a questo riguardo il documento della Commissione Teologica Internazionale "Comunione e servizio" del 2004, a firma del cardinale Joseph Ratzinger.

Sulla linea di san Tommaso, si riconosce la relazione di dipendenza radicale dell'essere creato, agli inizi delle cose e nell'esistere attuale, e Dio viene visto come causa prima che opera nelle e attraverso le cause seconde, lasciando a esse l'autonomia operativa. Come osserva Dominique Lambert (2006), "la relazione è propriamente metafisica, non si può affatto confondere con una causalità fisica", in cui si produce qualcosa a partire da quello che preesiste.

Come creazione dal nulla e inizio del mondo, e quindi del tempo, l'idea di creazione appartiene all'insegnamento della Bibbia ed è tra le verità insegnate dalla Chiesa. Secondo san Tommaso, come riferisce lo stesso Lambert, "soltanto la fede stabilisce che il mondo non è sempre esistito, e di ciò non si dà dimostrazione" ed "è oggetto di fede e non di scienza o dimostrazione che il mondo abbia avuto inizio".

Ora proprio a motivo del contenuto specifico di creazione nulla impedisce di pensare che Dio abbia creato un mondo in evoluzione, con delle capacità di trasformarsi. Molto chiare alcune puntualizzazioni di Giovanni Paolo ii a questo riguardo (cfr Simposio internazionale "Fede cristiana e teoria dell'evoluzione", 27 aprile 1985).

Un altro punto che fa parte dell'insegnamento della Chiesa è che il mondo, anche quello che si è venuto formando nel tempo per processi evolutivi, abbia un senso nel suo insieme e risponda a un disegno del Creatore. È il tema del finalismo. Ma anche questo esorbita dall'ambito delle metodologie delle scienze empiriche. Esse potranno offrire però osservazioni ed elementi che rimandano a una causa superiore, anche senza dimostrarlo con i metodi delle scienze naturali.

Benedetto XVI parla di razionalità scientifica riconoscibile nell'ordine della natura che si rivela anche nei processi evolutivi. La struttura della materia, l'armonia delle leggi e delle proprietà degli esseri viventi rimandano a una ragione creatrice e ordinatrice. Ciò può essere affermato come conclusione logica, anche se non ha i caratteri di una dimostrazione scientifica. Benedetto XVI insiste nell'affermare che l'universo non si è fatto da sé e non è il frutto del caso, un'affermazione che ha un carattere filosofico e si accorda con quello che la Scrittura insegna. Entra in gioco il concetto di creazione, che, come si è visto, non è una categoria scientifica, ma filosofica e teologica. L'esclusione di una causa superiore, sostenuta dall'estensione di modelli evolutivi presenti in natura, appare una scelta soggettiva, senza un vero fondamento scientifico, quali che siano i motivi che la ispirano.

Va precisato inoltre che le modalità con cui si è formata la razionalità che contraddistingue la realtà che ci circonda - che è realtà creata - e cioè come si sia giunti all'attuale armonia della natura, e come funzioni il sistema della natura non è compito della teologia indagarle, ma della scienza, alla quale può aggiungersi opportunamente la filosofia della natura.

Un terzo punto che ha rilevanza nel magistero della Chiesa riguarda l'uomo, non riducibile a un primate superiore. In forza della sua dimensione spirituale non può essere il puro prodotto di una evoluzione biologica. La presenza dello spirito comporta una volontà positiva del Creatore che si estende al primo uomo come a ogni essere umano attuale, il cui spirito non può derivare o spiegarsi con le potenzialità della materia vivente.

In varie occasioni Giovanni Paolo II ha riaffermato questa verità e parla di un "salto ontologico" tra l'animale e l'uomo (Messaggio del 24 ottobre 1996). È un divario che non può essere colmato dalle pure forze e proprietà della natura fisica. Il carattere trascendente dell'uomo, espresso nell'autocoscienza e nella libertà e documentato dalla cultura, rimanda alla trascendenza del Creatore di cui l'uomo è immagine e conferisce all'uomo dignità e compiti unici nel mondo dei viventi. Attraverso di lui è tutta la creazione che acquista un senso nuovo.

A ben riflettere questi tre punti non entrano in collisione con la teoria dell'evoluzione biologica, perché la creazione e il significato che può assumere l'evoluzione nel suo insieme e con la dimensione spirituale dell'uomo non appartengono all'ordine delle conoscenze empiriche, nel senso che non possono essere dimostrate o escluse con metodologie scientifiche. Di conseguenza è aperto il campo alla riflessione filosofica e teologica.

Quello che il magistero della Chiesa ha evitato ed evita è la spiegazione delle modalità con cui può essersi realizzata nel tempo l'evoluzione, le sue cause e i suoi meccanismi. Spetta alla scienza indagare sulla formazione dell'universo e della vita, compresa la forma umana.

La creazione viene affermata, nella Bibbia, come nel magistero, specialmente nel catechismo della Chiesa Cattolica, ma non si dice come sia avvenuta.

copyright L'Osservatore Romano

Link  SRM Blog

Fonte Euresis

Banner 25x4.jpg

link     SRM Newsletter n. 153

            altri numeri,  pdf o html

 

info e contatti: pcentofanti@gmail.com

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation