Ricerca  
venerdì 22 novembre 2019 ..:: Home » News precedenti » Darwin? Un'occasione di dialogo. Mons. Ravasi ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video


Chi orienta la scienza
Il Card. Camillo Ruini all'apertura del nono Forum del Progetto culturale promosso dalla Chiesa italiana

Quell'indomabile «caval berbero»
Mons. Gianfranco Ravasi su Galileo Galilei; L'Osservatore Romano


Diecimila difficoltà non fanno un solo dubbio

"Il Big Bang e Darwin? Non possono bastare"
Il Nobel Arno Penzias su La Stampa

Per il prof. Nicola Cabibbo: “la meccanica quantistica è il campo ideale in cui dialogare con i teologi"
La Stampa

Un nuovo punto di partenza tra evoluzione e creazione ?

Il Convegno STOQ Biological Evolution. Facts and Theories
 
Darwin meglio dei suoi nipotini
Mons. Fiorenzo Facchini su Avvenire

Teorie evolutive e Creazione: un nuovo punto di partenza ?
Il Convegno STOQ "Evoluzione Biologica. Fatti e Teorie", presso la Pontificia Università Gregoriana

Galileo. il perspicillo e il messaggio del cielo

La nuova edizione del Sidereus Nuncius
da L'Osservatore Romano, 7 marzo 2009

Vita extraterrestre: le prospettive dell'astrobiologia
Intervista all'astrofisico Costantino Sigismondi

Ravasi: un forte legame tra l'astronomia e la religione
Conferenza stampa di presentazione delle iniziative della Santa Sede per l'Anno Internazionale dell'Astronomia

Il problema non è la teoria ma l'ideologia
P. Marc Leclerc sull'Osservatore Romano

Ludovico Galleni: l'evoluzione, da Mendel alle teorie della biosfera
Intervista di Paolo Centofanti, SRM; parte 2

Il "caso Galileo" occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 31 gennaio 2009

Iniziative della Santa Sede per l'Anno Internazionale dell'Astronomia

Ma la biologia non spiega tutto l'uomo
da L'Osservatore Romano, 1 febbraio 2009

Ludovico Galleni: tra teorie evolutive e fede non c'è incompatibilità
Intervista Prof. Ludovico Galleni, di Paolo Centofanti, SRM; UPRA, 16 gennaio 2009 - parte 1

La rivoluzione di Galileo quattrocento anni dopo
da L'Osservatore Romano, 30 gennaio 2009

Uno sguardo sempre più preciso sui misteri del cosmo
da  L'Osservatore Romano, 30 gennaio 2009

L'agnostico che guardava alla grandiosità della natura
da L'Osservatore Romano,  12 febbraio 2009

Fede e scienza hanno bisogno l'una dell'altra
La conferenza stampa di presentazione del convegno internazionale sull'evoluzione biologica promosso dal Pontificio Consiglio della Cultura
Marilena Amerise su L'Osservatore Romano

Tempo Universo e Buchi Neri
Conferenza del prof. Costantino Sigismondi, e intervista di Paolo Centofanti, SRM



link  News precedenti


da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008

Presentato nella Sala Stampa della Santa Sede un convegno sull'evoluzionismo organizzato nell'ambito del Progetto Stoq

Darwin? Un'occasione di dialogo

di Silvia Guidi

"Newton descriveva se stesso come un bambino sulla spiaggia che esamina le conchiglie. Guarda e descrive quello che ha a portata di mano, ma sa che davanti a lui c'è l'immenso oceano della verità". L'arcivescovo Gianfranco Ravasi - presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura - ha ricordato la figura del grande scienziato inglese per sintetizzare lo scopo che si prefigge il convegno internazionale "L'Evoluzione biologica:  fatti e teorie - una valutazione critica 150 anni dopo l'Origine della specie" che riunirà a Roma dal 3 al 7 marzo 2009 filosofi, teologi e luminari della scienza.
Il convegno - presentato nella mattinata di martedì 16 nella Sala Stampa della Santa Sede - fa parte del Progetto Stoq (Science, Theology and the Ontological Quest), che vuole costruire un ponte filosofico tra scienza e teologia - o meglio, evidenziarne la radice comune, il bisogno di verità e di conoscenza presente in ogni uomo - attraverso programmi di studi, corsi universitari, cicli di conferenze, pubblicazioni scientifiche, divulgazione attraverso la Rete.
 "Isaac Newton non è stato solo uno scienziato, è stato anche un grande credente e un esegeta; ha composto un - non eccelso, per la verità - commento all'Apocalisse che documenta la sua curiosità intellettuale e il suo interesse per le Sacre Scritture" ha aggiunto Ravasi, presentando le iniziative che avranno luogo nel 2009, Anno dell'astronomia, in quanto anniversario delle rilevazioni con il cannocchiale di Galileo Galilei e anno "darwiniano" in cui si celebrano i duecento anni dalla nascita del naturalista inglese e i 150 anni dalla pubblicazione della sua opera più nota - e più strumentalizzata a fini ideologici più che scientifici - L'origine della specie.
"Mi piace ricordare il distico di Alexander Pope che avrebbe dovuto essere il suo epitaffio, ma non fu mai inciso sulla sua tomba:  "La natura e le sue leggi erano nascoste nella notte. Dio disse:  sia Newton. E tutto fu illuminato"" ha concluso Ravasi.
Alla conferenza stampa sono intervenuti anche due docenti della Pontificia Università Gregoriana, il gesuita Marc Leclerc e Gennaro Auletta, e Alessandro Minelli, che insegna Zoologia all'università di Padova.
In particolare Leclerc ha sottolineato l'impegno di scienziati, filosofi e teologi cristiani per superare le aporie di un confronto ideologico sterile relativo alla presunta opposizione fra evoluzionismo e creazionismo. Occorre, secondo Leclerc un "riconoscimento del carattere polimorfo della razionalità, di cui nessuno ha il privilegio dell'esclusività".
Auletta, dal canto suo, ha spiegato l'incidenza dell'evoluzionismo nel dibattito scientifico odierno, dalla sociologia all'economia:  "Ritengo sia difficile trovare un ambito scientifico del tutto esente da influenze dirette o indirette della teoria dell'evoluzione. Talvolta si tratta di applicazioni molto fruttuose, talvolta di applicazioni un po' forzate". Minelli invece, per sottolineare la complessità degli elementi che intervengono in questo dibattito, ha proposto degli esempi pratici tratti dalle scienze applicate.
Gli interventi dei relatori hanno fatto intuire le vie per rendere possibile il dialogo tra discipline rimaste troppo a lungo ignare del lavoro e dei risultati altrui, come sono le scienze naturali e la teologia. Dialogo tanto necessario quanto assente nella nostra società sempre più dominata dalla tecnologia, in cui l'uomo è spesso considerato come un assemblaggio di parti e di elementi su cui si può intervenire tagliando e incollando, piuttosto che come un organismo biologico e una persona dal valore superiore a ogni possibilità di parziale e riduttiva misura umana. Per questo è sempre più necessario una sorta di nuovo Quadrivio (così erano chiamate le discipline scientifiche in epoca tardoantica e medievale) per il terzo millennio; la scienza può purificare la religione dalla superstizione e la religione può purificare la scienza dai falsi assoluti. Ma per far questo occorre onestà intellettuale e quella che il presidente del Pontificio Consiglio della Cultura chiama "una lotta sistematica all'arroganza" che ha trasformato la necessaria linea di demarcazione tra discipline e competenze in "una muraglia cinese o una cortina di ferro" tra chi "sbeffeggia chi si "ostina" nella fede, e la considera un relitto di un Paleolitico intellettuale lasciato indietro dal percorso luminoso della scienza e chi considera programmaticamente privo di interesse tutto ciò che non può essere trasformato immediatamente in apologetica".

© L'Osservatore Romano

Banner 25x4.jpg

link     SRM Newsletter n. 153

            altri numeri,  pdf o html

 

info e contatti: pcentofanti@gmail.com

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation