Ricerca  
mercoledì 23 ottobre 2019 ..:: Newsletter » SRM Newsletter 2008 » SRM Newsletter n. 79 ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video

Fisichella: ricerca libera, ma non libertaria

La cultura tramite privilegiato tra fede e ragione

da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM

Il benvenuto al Pontefice del presidente francese Nicolas Sarkozy
da L'Osservatore Romano,
testo completo, SRM

L'opportunità di una vera liberazione spirituale
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link  
articolo Osservatore Romano, SRM

L'incontro con il Papa un evento memorabile
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM
 
Nel paese dei miracoli
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link  articolo Osservatore Romano, SRM

La riflessione di Joseph Ratzinger sull’evoluzione
di Gennaro Auletta
link testo completo, SRM

Darwin? Un'occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link 
SRM, articolo Osservatore Romano

LHC CERN: intervista esclusiva al Prof. Michelangelo Mangano
link

Il clima al Meeting: "Atmosphera", intervista al prof. Gargantini
Link

Verso un nuovo concetto di specie ? L'intervista al Prof. Gennaro Auletta
Link 
notizia completa, SRM

Laser per immagini simili alla Sindone: intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini
Link 
SRM, notizia breve con immagini


Tutta la Creazione geme: il dibattito su creazione ed evoluzione

La conferenza a Sidney del Cardinale Christoph Schönborn sul tema dell'evoluzione.
SRM, testo completo Zenit

Un nuovo concetto di specie ?
Intervista SRM al Prof. Gennaro Auletta

Questione ecologica e vita dell'uomo nel mondo
da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

La disperata ricerca di una zattera di ghiaccio

da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

Immagini della Sindone riprodotte con Laser
Intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini

Verso un nuovo concetto di specie ?
La Scuola estiva di Poblet propone un nuovo concetto di specie, SRM

Il darwinismo da diversi punti di vista
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano 13 luglio 2008

La falsa contrapposizione tra scienza e fede
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano, 4  luglio 2008

Intervista a Mons. Gianfranco Ravasi
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link 
Infoethics

Lo statuto dell'essere umano nell'epoca della scienza
Mons. Marcelo Sanchez Sorondo

da L'Osservatore Romano, 23-24 giugno 2008

Intervista a Mons. Lorenzo Leuzzi 
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link  Infoethics

Evoluzione e Creazione. Una falsa antinomia
Mons. Gianfranco Ravasi

L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Rilanciamo la filosofia per comprendere meglio la modernità
L'udienza di Benedetto XVI ai partecipanti al sesto Simposio europeo dei docenti universitari
da L'Osservatore Romano, 7 giugno 2008
Link 
L'Osservatore Romano

Allargare gli orizzonti della razionalità - Card. Camillo Ruini
da L'Osservatore Romano, 6 giugno 2008

L'evoluzione del dialogo - Tomasz Trafy, Gennaro Auletta
Il Sole 24 Ore, 6 aprile 2008

L'extraterrestre è mio fratello - Padre J.G.Funes
L'Osservatore Romano, 14 maggio 2008

Link 
News precedenti

 



Papa Benedetto XVI all'udienza generale: solo nella relazione personale con Cristo si apre la nostra ragione

Il Pontefice, lo scorso mercoledì 3 settembre, ha spiegato ai partecipanti all'udienza generale la conversione di San Paolo, frutto del suo incontro con Cristo. Il cristianesimo, infatti, “non è una nuova filosofia o una nuova morale”, ma l'incontro con Gesù, la relazione personale con Lui.

Come Saulo, che “ha allargato il suo cuore, lo ha reso aperto a tutti”, e ha aperto la sua ragione alla saggezza dei pagani, diventando capace di un dialogo ampio con tutti, anche noi cristiani dobbiamo aprirci a questo incontro, a questa relazione con Cristo, pregare perché avvenga e lasciarci illuminare; e così aprire “la nostra ragione”, e aprire “tutta la saggezza di Cristo e tutta la ricchezza della verità”.

Link Zenit - Zenit testo integrale



Meeting di Rimini

Sul Meeting, e su alcuni degli interventi ed eventi dedicati al tema del rapporto tra scienza e religione pubblichiamo pagina sul sito, e sezione in questo numero della Newsletter.

Nella pagina sono pubblicati i testi della Newsletter e alcune foto (cortesia Ufficio Stampa del Meeting di Rimini)

Link SRM, pagina sul Meeting - SRM al Meeting


Mons. Angelo Bagnasco: La fede difende la ragione

Il presidente della Conferenza episcopale italiana ha spiegato che "il popolo di Dio è chiamato a partecipare alla storia umana anche con la difesa della ragione”: per quanto possa “sembrare singolare che la fede difenda la ragione”, “Cristo salva l'uomo nella sua interezza”.

Sottolineando il problema del “relativismo, che il Papa richiama come un tarlo della società e della storia occidentale”, e che necessita “la luce della ragione intesa come la facoltà del vero”, ha poi ricordato che “affermare l'efficacia della ragione non è 'totalmente altro' dall'annuncio evangelico”, non è “diminuire il vangelo per impicciarsi di argomenti di competenza altrui”, ma “è intrinsecamente connesso: fede e ragione si richiamano a vicenda, sono implicati reciprocamente nell'unità della persona”.

Link SRM (articolo Osservatore Romano) - Meeting Rimini 1 - Meeting Rimini 2 - Zenit - testo integrale dell'intervento


Mons. Rino Fisichella: la Chiesa non è né sarà mai nemica della scienza

Intervenendo il 29 di agosto al Meeting di Rimini, Mons. Fisichella ha spiegato che "la Chiesa non potrà mai essere nemica della scienza e non lo è mai stata in passato", ma avversa solamente l'idea che debba essere la scienza la sola misura del bene e del male, o (come nel caso dell'eutanasia) la sola autorizzata a decidere tra vita e morte.

D’altra parte, "nel momento in cui nella società si pongono problemi nuovi ed emergono situazioni prima sconosciute perché la scienza fa passi da gigante, è evidente che lo Stato sia chiamato ad assumersi la responsabilità di dare una risposta".

Link SRM (articolo Osservatore Romano)



"Le sfide dell’evoluzione. In armonia tra scienza e fede"

Mons. Fiorenzo Facchini presenta il suo libro al Meeting di Rimini

Mons. Facchini, antropologo all’Università di Bologna, presentando il volume, ha rilevato che “a 149 anni dalla pubblicazione delle tesi di Darwin, e a 199 dalla sua nascita, nel mondo cattolico esistono posizioni diverse”, da chi vede compatibilità tra darwinismo e visione della Chiesa Cattolica, a chi ne afferma una sostanziale irriducibilità; da chi vede un possibile dialogo, a chi vede solamente una insuperabile antinomia.

Certamente, però, realtà ed evidenze scientifiche dell'essere umano e dei viventi mostrano che “l’evento uomo rappresenta una discontinuità antropologica proprio per come è l’uomo”.

E affermando la possibile coerenza tra Universo creato e universo in evoluzione, Facchini ha sottolineato che “Dio ha fatto il mondo come realtà dinamica, un lavoro in atto da completare”, e che “l’uomo è chiamato a collaborare al progetto di Dio della creazione. Un progetto che non è statico ma ha una dinamica i cui contorni forse ancora non conosciamo bene”.

Link Meeting Rimini - SRM n.66 - SRM n.68




"Atmosphera, realtà e miti dei cambiamenti climatici"

Mostra Euresis

Euresis ha organizzato una mostra multimediale sui cambiamenti climatici che, coinvolgendo lo spettatore in un percorso interattivo, ha voluto mostrare quanto vi sia di concreto e quanto di ipotetico nelle attuali teorie al riguardo, portando i visitatori ad essere più consapevoli di questa realtà, spesso amplificata o distorta dai media.

La mostra ha avuto l'obiettivo di proporre “i fattori essenziali del problema dal punto di vista scientifico”, e di “mostrare la ricchezza e delicatezza dei fenomeni naturali che sul nostro pianeta cooperano a stabilire un clima adatto alla nostra vita”.

Link Meeting Rimini - Euresis - Zenit



Il Master in Scienza e Fede ed SRM al Meeting di Rimini

Il Master in Scienza e Fede ed SRM, con la presenza di Padre Rafael Pascual LC (Decano della Facoltà di Filosofia e Direttore del master), hanno partecipato all'edizione 2008 del Meeting di Rimini, con uno spazio presso lo stand dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.

Link SRM - Link Meeting Rimini 2008



"Chi sono i nemici della scienza? Riflessioni su un disastro educativo e culturale e documenti di malascienza"

La presentazione del libro al Meeting e l'intervista dell'Osservatore Romano all'autore, Giorgio Israel

Il libro è stato presentato il 27 agosto nell'ambito della rassegna Invito alla Lettura. Giorgio Israel, professore di Matematica all'università di Roma La Sapienza, ha voluto mostrare come la stessa scienza, quando si arrocca su pregiudizi ideologici e di matrice scientista, finisca col danneggiarsi da sola, e per aumentare paradossalmente, pur tentando di divulgare, la distanza con il pubblico di non scienziati. Intervistato da Radio Vaticana, il matematico ha spiegato anche che la scienza è diversa sia dalla “impostazione ideologica pregiudizialmente atea che pretende di strumentalizzare la scienza per stabilire quale sia la verità”, basata su “visioni puramente materialistiche”, sia dallo scientismo, “l'atteggiamento che letteralmente deifica la scienza”.

Link Meeting Rimini




Giorgio Israel: “la conoscenza è molteplice e l’esperienza umana è lungi dall’essere soltanto scientifica”.

Intervistato da Tracce al Meeting di Rimini per la presentazione del suo libro (v. SRM), il Prof. Israel ha affrontato il tema della mancata visita del Pontefice alla “Sapienza” e del ruolo del Papa nel tentare di stabilire un corretto equilibrio tra fede e ragione.

Ha poi parlato dei veri “nemici della scienza”, che non sono la religione o la filosofia, ma gli errori nella comunicazione scientifica, le distorsioni ideologiche quali il tentativo di “dimostrare scientificamente l’ateismo e il materialismo” e “la confusione tra scienza e naturalismo”, gli stessi media (che di tali forme di divulgazione e tali ideologismi sono spesso tramite), e un certo modo di fare educazione nelle scuole e nelle Università. Invece “la conoscenza è molteplice e l’esperienza umana è lungi dall’essere soltanto scientifica”, perchè “l’uomo non è né un dado, né una macchina a vapore o elettrica, né un calcolatore, né una qualsiasi delle macchine cui ci si ingegna a ridurlo per spiegarlo in termini scientifici”.

Link Tracce luglio/agosto 2008 su

paparatzinger-blograffaella.blogspot.com


- - - - - - -


La salamandra cieca, Darwin, e la cecità di un certo tipo di scienza.

Un confronto di editoriali e punti di vista tra Christopher Hitchens e Mons. Giuseppe Lorizio

Un articolo di Christopher Hitchens (pubblicato anche sul Corriere della Sera), teso a mostrare le presunte incongruenze della Creazione e la sua incompatibilità con le teorie e le realtà dell'evoluzione, ha iniziato un nuovo acceso dibattito.

Di seguito presentiamo brevemente la posizione di Hitchens e quella di Mons. Giuseppe Lorizio, teologo alla Pontificia Università Lateranense, che gli ha risposto dalle pagine di Avvenire.


Hitchens: La salamandra “salva” Darwin e smentisce il creazionismo

Incolpevole protagonista, una salamandra che vive a grandi profondità nel suolo terrestre, e che vivendo nell'oscurità ha avuto una graduale riduzione delle funzioni e delle caratteristiche strutturali dei proprio occhi, che oggi sono praticamente inesistenti. Una dimostrazione questa, dal suo punto di vista, di una evoluzione, anzi involuzione per non uso (e quindi per selezione naturale), di un organo e di individui di una specie.

Aggirando il fatto, da lui ricordato, che lo stesso Darwin scriveva di non essere in grado di spiegare la complessità dell'occhio sulla semplice base di una evoluzione casuale o per selezione, cerca quindi di trarre la conclusione che una simile realtà contraddice pienamente qualsiasi ipotesi di una evoluzione per “progresso lineare”, come secondo lui sosterrebbero i cristiani, e soprattutto i sostenitori dell' Intelligent Design, e che “le innumerevoli regressioni passate e future” dimostrerebbero la futilità di credere “ciecamente alla divina provvidenza e al cosiddetto disegno divino”.

Link Euresis



Mons. Giuseppe Lorizio: “quando la scienza diventa cieca”

da Avvenire, 5 agosto 2008

Mons. Lorizio smonta con calma metodologica le conclusioni di Hitchens, mostrandone i punti deboli e tre “fraintendimenti” sui quali esse si basano.

Il primo è la “tesi di fondo di Hitchens”, perchè la fede “insegna e la teologia riflette il fatto che Dio ha creato il cielo e la terra, non le salamandre”. “Nella prospettiva - reale - della creazione”, spiega, “è possibile l'accoglienza di una teoria evolutiva” che preveda “processi evolutivi (o involutivi) come quello della perdita della vista da parte della salamandra”, senza per questo negare la Creazione e “il continuo sostegno che Dio offre al mondo”.

Il secondo fraintendimento riguarda il concetto stesso di evoluzione, perché, al contrario di ciò che pensa Hitchens, “un progresso ineluttabile e sempre in salita non appartiene certo ad una visione autenticamente cristiana dei processi”, e quindi “se la salamandra regredisce perdendo la vista” non vi è nessun contrasto con una inesistente visione lineare cristiana “dei processi cosmico-antropologici e storico-escatologici”.

Il terzo risponde alla domanda di Hitchens sulla possibile fine del mondo: “perché il nostro breve 'qualcosa' sarà ben presto rimpiazzato dal nulla?”. Una domanda mal posta, perché in realtà “la fine del mondo che la fede cristiana attende”, “non riguarda singole configurazioni dell'universo esistente, ma appunto il tutto di questo mondo, chiamato a trasfigurarsi e a ri-crearsi”.

Link Il Mascellaro




Nuovi esami al radiocarbonio per la Sindone ?

In queste settimane si torna a parlare degli esami al radiocarbonio sulla Sindone, e della non attendibilità (per analisi su rappezzi medioevali e per alterazioni dovute agli incendi nei secoli) dei risultati che nel 1988 attribuivano la reliquia al 13mo secolo.

Il reportage della BBC The Shroud of Turin (link SRM), e le dichiarazioni del Professor Christopher Ramsey, direttore dell'Oxford Radiocarbon Accelerator (link SRM) avevano mostrato la necessità di nuove analisi con metodiche attuali, utilizzando solo porzioni del tessuto originale, per datare la Sindone con maggiore certezza. Una ipotesi sostenuta da anni dalla maggior parte degli studiosi, tra cui il prof. John Jackson (fisico all'Università del Colorado) che ha nuovamente affermato di voler chiedere la possibilità di nuovi esami.

Fino al 2010 (anno dell'Ostensione ufficiale decisa dal Santo Padre), non sarà però possibile. Mons. Giuseppe Ghiberti, responsabile della commissione diocesana della Sindone, ha infatti dichiarato che “fino a dopo l´ostensione (del 2010) non si farà nulla”.

Link L'Espresso



Nell’evoluzione quale posto per lo spirito ?

Articolo di Mons. Fiorenzo Facchini su Avvenire del 19 agosto 2008

Mons. Facchini fa notare come ci siano due “fondamentalismi di segno opposto”, “per cui si ammette solo il proprio modo di conoscere”, e come sia necessario superarli, ed evitare sia teorie come l'Intelligent Design, vista come una possibile soluzione, ma in realtà “criticabile sul piano scientifico e teologico”, sia “posizioni materialiste, come quelle di Dawkins” o di Hitchens, “che contestano l’idea di creazione con argomenti che pretendono trarre dalla scienza, ma non si inquadrano nella scienza e neppure in una filosofia della natura”. È necessario comprendere che “le conoscenze della scienza non possono vedere e spiegare tutto”, e che “gli spazi della ragione vanno allargati agli orizzonti non raggiungibili con i metodi delle scienze naturali”.

Link Il Mascellaro



Il Prof. Antonino Zichichi ad Erice: “La scienza nasce per atto di fede in Colui che ha fatto il mondo”

Il Prof. Zichichi ha illustrato brevemente, in una intervista a Radio Vaticana, la propria visione del rapporto tra scienza e fede. Zichichi ha ringraziato Papa Giovanni Paolo II, a cui si deve “l’attenzione del mondo” e quindi la possibilità di mostrare che “scienza e fede non sono nemiche”, perché “la scienza nasce per atto di fede in Colui che ha fatto il mondo”.

Link Radio Vaticana





"Implicazioni filosofiche del paradigma evolutivo e teologia cristiana"

In un articolo su Humanitas, Don Giuseppe Tanzella-Nitti traccia un’analisi del dibattito sul tema dei rapporti fra teoria dell’evoluzione e teologia cristiana. Inizia con “tre precisazioni sul rapporto fra creazione ed evoluzione”, propedeutiche e basilari allo sviluppo dell'articolo: la prima è che “il teologo sa bene che l’evoluzione biologica è un fatto, e come ogni altro fatto in natura può servire alla teologia per capire la parola di Dio e interpretarla rettamente”; la seconda è che chi comprende “cosa voglia dire, nella teologia cristiana, il termine creare”, non vede “nessuna opposizione con i risultati dell’evoluzione biologica”; la terza “consiste nel separare il darwinismo biologico, nella sua esposizione classica” o nella sua versione moderna, dal “darwinismo filosofico” che sembra “voler usare impropriamente la scienza come attrezzo per negare l’esistenza di una finalità nel mondo naturale”.

L'analisi prosegue con le “due diverse visioni filosofiche della comunità umana e del suo rapporto con la natura”, propone “una visione dell’essere umano”, e conclude illustrando il contributo della teologia cristiana alla teoria dell'evoluzione.

Link Interdisciplinary Encyclopedia of Religion and Science



Recensioni: “Il libro che la tua Chiesa non ti farebbe mai leggere”

L'Unità, 15 agosto 2008

Una recensione non sospetta (vista la fonte: L’Unità) critica l'ultimo libro di Tim C. Leedom e Maria Murdy, che avrebbero il dichiarato obiettivo di “svelare mistificazioni”, “mettere in discussione credenze acclarate da tempo” e “affrontare il lato oscuro della fede trattando argomenti che le gerarchie di ogni confessione tentano di sottrarre alla conoscenza della gente”.

In realtà il libro, come molti altri pubblicati in questi ultimi anni per “i toni usati e gli argomenti proposti”, rischia “di produrre qualcosa di simile a ciò che si vuole contrastare, cioè una sorta di intolleranza razionalista e ateistica”; sembra più un prodotto editoriale, che va a collocarsi come altri “in uno spazio di mercato dovuto a “un interesse diffuso”, “nei confronti di queste tematiche”, e mostra una debolezza di contenuti e metodo, presentandosi non come un saggio, ma come “un’accozzaglia di materiali di diversa fonte e provenienza (libri, giornali, Internet...), in cui i curatori si sono divertiti a raccogliere quanto di peggio hanno trovato sull’argomento religione”, e in cui è assente “qualsiasi tentativo di contestualizzazione e di prospettiva storica”.

Link L'Unità su FineSettimana.org





Nuova pubblicazione del Master in Scienza e Fede

Domande su Scienza e Religione, di Stanley L. Jaki

Il volume, che nasce dalla constatazione che “domande a non finire sono state sollevate sul rapporto fra scienza e religione”, e che “le incomprensioni regnano sovrane”. L’autore analizza quattordici tra le principali domande sul rapporto tra scienza e religione, e pur concludendo su una “mutua irriducibilità fra religione e scienza”, che però “assicura a entrambe una propria autonomia”, spiega che “tanto la scienza quanto la religione sono necessarie, ma in due sensi molto differenti”, e che “tutte le incomprensioni riguardo al rapporto fra scienza e religione provengono dalla mancata considerazione delle rispettive competenze concettuali di ognuna” (dalla quarta di copertina).

Stanley L. Jaki

Domande su Scienza e Religione

Collana: Scienza e Fede - Saggi; 11

Editore: Ateneo Pontificio Regina Apostolorum

ISBN: 978-88-89174-81-4

Pagine: 200 - formato: 17x24

stampa: agosto 2008 - € 15,00

Link Scheda - Altre pubblicazioni del Master in Scienza e Fede



Eventi recenti

L’Uomo, il Creato ed i Fenomeni Naturali nel connubio tra Fede e Scienza

L'evento, con la partecipazione del Master in Scienza e Fede, si è svolto presso l’Abbazia Benedettina di Vallombrosa il 1 settembre scorso, in coincidenza con la Giornata Nazionale per la Salvaguardia del Creato.

Durante la giornata di studi sono stati presentati lo studio di Rocco Chiriaco sulla figura di S. Giovanni Gualberto, e il libro Fede e Scienza: un incontro proficuo. Origini e sviluppo della Meteorologia fino agli inizi del ‘900 (cf. newsletter 60), di Luigi Iafrate.

Link Master in Scienza e Fede





Prossimi Eventi


"Cosmology across Cultures. Impact of the Study of the Universe in the Human Thinking"

Convegno internazionale di studi sulla natura dell'universo, organizzato dall'Istituto di Astrofisica delle Canarie e dall'Istituto di Astrofisica dell' Andalusia, con il patrocinio dell'European Society for Astronomy in Culture (SEAC).

Dal 7 al 14 settembre 2008

Parque de las Ciencias, Granada

Sito web: www.parqueciencias.com

Informazioni: www.iac.es/congreso/cac2008



"La scienza è di tutti? La conoscenza scientifica come bene pubblico globale"

Scuola estiva SCS2008 (Scienza Comunicazione Società), indirizzata prevalentemente a dottorandi, promossa dal centro Agorà Scienza dell'Università degli studi di Torino.

Dal 7 al 12 settembre 2008, Palazzo Venturi, Via G. Verdi, 25 – Torino

Informazioni: Agorà Scienza

Link DISF



Contacts SRM:

info@srmedia.org

0039-3386284135

skype: paolo.centofanti

www.srmedia.org

www.srmediait.blogspot.com

www.srmedia.blogspot.com


df
pdf,  con  immagini
html senza immagini


n. 195, pdf

n. 194, pdf

n. 193, pdf

n. 192, pdf

n. 191, pdf

n. 190, pdf

n. 189, pdf

n. 188, pdf

n. 187, pdf

n. 186, pdf

n. 185, pdf

n. 184, pdf

n. 183, pdf

n. 182, pdf

n. 181, pdf

n. 180, pdf

n. 179, pdf

n. 178, pdf

n. 177, pdf

n. 176, pdf

n. 175, pdf

n. 714, pdf

n. 173, pdf

n. 172, pdf

n. 171, pdf

n. 170, pdf

n. 169, pdf

n. 168, pdf

n. 167, pdf

n. 166, pdf

n. 165, pdf

n. 164, pdf

n. 163, pdf

n. 162, pdf

n. 161, pdf

n. 160, pdf

n. 159, pdf

n. 158, pdf

n. 157, pdf

n. 156, pdf

n. 155, pdf

n. 154, pdf

n. 153, pdf

n. 152, pdf

n. 151, pdf

n. 150, pdf

n. 149, pdf

n. 148, pdf


n. 147, pdf

n. 146, pdf


n. 145, pdf

n. 144, pdf

n. 143, pdf

n. 142, pdf

n. 141, pdf

n. 140, pdf

n. 139,pdf

n. 138,pdf

n. 137, pdf

n. 136, pdf


n. 135, pdf

n. 134, pdf

n. 133, pdf

n. 132, pdf

n. 131, pdf


n. 130, pdf


n. 129, pdf

n. 128, pdf

n. 127, pdf

n. 126, pdf

n. 125, pdf

n. 124, pdf

n. 123, pdf

n. 122, pdf

n. 121, pdf

n. 120, pdf

n. 119, pdf

n. 118, pdf

n. 117, pdf

n. 116, pdf

n. 115, pdf

n. 114, pdf

n. 113, pdf

n. 112, pdf

n. 111, pdf

n. 110, pdf

n. 109, pdf

n. 108, pdf

n. 107, pdf

n. 106, pdf

n. 105, pdf


n. 104, pdf


n. 103, pdf

n. 102, pdf

n. 101, pdf

n. 100, pdf

n. 99, pdf

n. 98, pdf

n. 97, pdf

n. 96, pdf

n. 95, pdf

n. 94, pdf

n. 93, pdf

n. 92, pdf

n. 91, pdf

n. 90, pdf

n. 89, pdf

n. 88, pdf

n. 87, pdf

n. 86, pdf

n. 85, pdf

n. 84, pdf

n. 83, pdf

n. 82, pdf

n. 81, pdf

n. 80, pdf

n. 79, pdf

n. 78, pdf


n. 77, pdf
 

n. 76, pdf


n. 75, pdf


n. 74, pdf


n. 73, pdf


n. 72, pdf


n. 71, pdf


n. 70, pdf


n. 69, pdf

n. 68, pdf

n. 67, pdf

n. 66, pdf

n. 65, pdf


n. 64, pdf


n. 63, pdf

n. 62, pdf

n. 61, pdf


n. 60, pdf


n. 59, pdf


n. 58, pdf


n. 57, pdf


n. 56, pdf


n. 55, pdf

n. 54, pdf


n.
53, pdf

n. 52, pdf


n. 51, pdf


n. 50, pdf


n. 49, pdf


n. 48, pdf


n. 47, pdf


n. 46, pdf


n. 45, pdf


n. 44, pdf


n. 43, pdf


n. 42, pdf


n. 41, pdf


n. 40, pdf


n. 39, pdf


n. 38, pdf


n. 37, pdf


n. 36, pdf


n. 35, pdf


n. 34, pdf


n. 33, pdf


n. 32, pdf


n. 31, pdf


n. 30, pdf


n. 29, pdf


n. 28, pdf


n. 27, pdf

n. 26, pdf

n. 25, pdf

n. 24, pdf

n. 23, pdf

n. 22, pdf

n. 21, pdf

n. 20, pdf

n. 19, pdf

n. 18, pdf

n. 17, pdf

n. 16, pdf

n. 15, pdf

n. 14, pdf

n. 13, pdf

n. 12, pdf

n. 11, pdf

n. 10, pdf

n. 9, pdf

n. 8, pdf

n. 7, pdf

n. 6, pdf

n. 5, pdf

n. 4, pdf

n. 3, pdf

n. 2, pdf

n. 1, pdf

n. 105, html

n. 104, html


n. 103, html

n. 102, html

n. 101, html

n. 100, html

n. 99, html

n. 98, html

n. 97, html

n. 96, html

n. 95, html

n. 94, html

n. 93, html

n. 92, html

n. 91, html

n. 90, html


n. 89, html

n. 88, html

n. 87, html

n. 86, html

n. 85, html

n. 84, html

n. 83, html

n. 82, html

n. 81, html

n. 80, html

n. 79, html

n. 78, html

n. 77, html

n. 76, html

n. 75, html

n. 74, html

n. 73, html

n. 72, html

n. 71, html

n. 70, html

n. 69, html

n. 68, html

n. 67, html

n. 66, html

n. 65, html

n. 64, html

n. 63, html

n. 62, html

n. 61, html

n. 60, html

n. 59, html

n. 58, html

n. 57, html

n. 56, html

n. 55, html

n. 54, html

n. 53, html

n. 52, html

n. 51, html

n. 50, html

n. 49, html

n. 48, html

n. 47, html

n. 46, html

n. 45, html

n. 44, html

n. 43, html

n. 42, html

n. 41, html

n. 40, html

n. 39, html

n. 38, html

n. 37, html

n. 36, html

n. 35, html

n. 34, html

n. 33, html

n. 32, html

n. 31, html

n. 30, html

n. 29, html

n. 28, html

n. 27, html

n. 26, html

n. 25, html

n. 24, html

n. 23, html

n. 22, html

n. 21, html

n. 20, html

n. 19, html

n. 18, html

n. 17, html

n. 16, html

n. 15, html

n. 14, html

n. 13, html

n. 12, html

n. 11, html

n. 10, html
 
 
Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation