Ricerca  
mercoledì 23 ottobre 2019 ..:: Home » News precedenti » Arroganza scientifica anticamera del totalitarismo ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video

Fisichella: ricerca libera, ma non libertaria

La cultura tramite privilegiato tra fede e ragione

da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM

Il benvenuto al Pontefice del presidente francese Nicolas Sarkozy
da L'Osservatore Romano,
testo completo, SRM

L'opportunità di una vera liberazione spirituale
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link  
articolo Osservatore Romano, SRM

L'incontro con il Papa un evento memorabile
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM
 
Nel paese dei miracoli
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link  articolo Osservatore Romano, SRM

La riflessione di Joseph Ratzinger sull’evoluzione
di Gennaro Auletta
link testo completo, SRM

Darwin? Un'occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link 
SRM, articolo Osservatore Romano

LHC CERN: intervista esclusiva al Prof. Michelangelo Mangano
link

Il clima al Meeting: "Atmosphera", intervista al prof. Gargantini
Link

Verso un nuovo concetto di specie ? L'intervista al Prof. Gennaro Auletta
Link 
notizia completa, SRM

Laser per immagini simili alla Sindone: intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini
Link 
SRM, notizia breve con immagini


Tutta la Creazione geme: il dibattito su creazione ed evoluzione

La conferenza a Sidney del Cardinale Christoph Schönborn sul tema dell'evoluzione.
SRM, testo completo Zenit

Un nuovo concetto di specie ?
Intervista SRM al Prof. Gennaro Auletta

Questione ecologica e vita dell'uomo nel mondo
da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

La disperata ricerca di una zattera di ghiaccio

da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

Immagini della Sindone riprodotte con Laser
Intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini

Verso un nuovo concetto di specie ?
La Scuola estiva di Poblet propone un nuovo concetto di specie, SRM

Il darwinismo da diversi punti di vista
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano 13 luglio 2008

La falsa contrapposizione tra scienza e fede
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano, 4  luglio 2008

Intervista a Mons. Gianfranco Ravasi
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link 
Infoethics

Lo statuto dell'essere umano nell'epoca della scienza
Mons. Marcelo Sanchez Sorondo

da L'Osservatore Romano, 23-24 giugno 2008

Intervista a Mons. Lorenzo Leuzzi 
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link  Infoethics

Evoluzione e Creazione. Una falsa antinomia
Mons. Gianfranco Ravasi

L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Rilanciamo la filosofia per comprendere meglio la modernità
L'udienza di Benedetto XVI ai partecipanti al sesto Simposio europeo dei docenti universitari
da L'Osservatore Romano, 7 giugno 2008
Link 
L'Osservatore Romano

Allargare gli orizzonti della razionalità - Card. Camillo Ruini
da L'Osservatore Romano, 6 giugno 2008

L'evoluzione del dialogo - Tomasz Trafy, Gennaro Auletta
Il Sole 24 Ore, 6 aprile 2008

L'extraterrestre è mio fratello - Padre J.G.Funes
L'Osservatore Romano, 14 maggio 2008

Link 
News precedenti

 



 

L'università di Bologna s'interroga sul discorso del Papa a La Sapienza

Arroganza scientifica anticamera del totalitarismo
L'Osservatore Romano, 2 febbraio 2008 

Fabio Ruggiero

Che  cosa  significano oggi in Italia nozioni  come  laicità,  libertà, confronto, cultura?  Se ne è parlato ieri all'università di Bologna all'incontro "Benedetto XVI e La Sapienza. Una lezione da non perdere". Una riflessione sulla lezione magistrale del Papa preparata e poi non tenuta, per i noti motivi, per l'inaugurazione dell'anno accademico dell'università La Sapienza di Roma. L'incontro, promosso dall'Istituto Veritatis Splendor - sorto per iniziativa del cardinale Giacomo Biffi e presieduto oggigiorno dal suo successore, il cardinale Carlo Caffarra - e dal Centro Culturale Enrico Manfredini, e che ha visto la pronta adesione di numerose altre realtà cattoliche, si inserisce nel dibattito che in questi giorni ha coinvolto in città numerosi intellettuali, uomini di cultura e delle istituzioni.

Sono intervenuti Pier Ugo Calzolari, magnifico rettore dell'università di Bologna, Giorgio Israel, ordinario di matematiche complementari presso l'università di Roma La Sapienza, monsignor Lino Goriup, vicario episcopale per la cultura e per la comunicazione della Chiesa di Bologna.

Ha moderato l'incontro Ivo Colozzi, ordinario di sociologia presso l'università di Bologna, che ha subito letto un testo inviato dall'arcivescovo, assente a causa di impegni improrogabili. Nel suo messaggio di saluto, il cardinale Caffarra, dopo avere ringraziato organizzatori e intervenuti, ha ricordato come il Papa, nel suo Magistero, richiami costantemente la ragione a fare un uso illimitato di se stessa. "C'è - osserva l'arcivescovo di Bologna - in questo richiamo l'incontro di temi teoretici e di preoccupazione pastorale, di cui giova fare almeno un fugace accenno". L'invito alla ragione a non auto-imprigionarsi dentro ai fenomeni verificabili è un invito fatto all'uomo, ad ogni uomo, a non rinunciare a cercare risposta a nessuna domanda sensata; a non accontentarsi del "frammento" ed alla somma dei medesimi, ma a cercare la verità ultima e il senso radicale dell'intero. È questo il "desiderio estremo" dell'uomo, come lo chiama Cartesio nel Discorso sul metodo. "Le difficoltà di questa ricerca - ha aggiunto - sono al contempo segno della grandezza e della miseria umana, come scrisse Hegel:  "Una calza rammendata è meglio di una calza lacerata:  non così per l'autocoscienza". Anche se la ragione non trovasse il filo per rammendarla, la lacerazione che essa compie dentro al reticolato del finito lascerebbe pur sempre la possibilità all'Infinito di entrarvi". Rivolgendosi poi ai molti giovani presenti, dopo avere richiamato loro Dante - "fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtude e canoscenza" - li ha così esortati:  "Non spegnete nessuna domanda che sorga dal vostro cuore. La ricerca e il possesso della verità sia la vostra gioia più pura. Forse la più bella definizione di università è stata data da Alberto Magno:  in dulcedine societatis quarere veritatem. La dolcezza di una condivisa ricerca della verità, cari giovani, è ciò che vi auguro".

Nel suo intervento Calzolari ha messo in evidenza il valore e il limite della scienza, il rischio del riduzionismo di stampo positivistico, il significato della laicità rettamente intesa, deprecando il provincialismo culturale che ha caratterizzato "la vicenda assai triste del mancato incontro de La Sapienza" nonché i toni con cui anche nei giorni seguenti si pretendeva di difendere una mal compresa nozione di autonomia culturale dell'università. Il rettore ha fatto notare l'inconsistenza razionale di quanti hanno sostenuto l'impossibilità di discutere con chi, come il Papa, a loro modo di vedere, ritiene di essere già in possesso della verità. In realtà, una simile maniera di argomentare costituisce un vero e proprio cortocircuito logico, che, portato agli estremi, può condurre a una sorta di "inquisizione laica", profondamente illiberale.

L'incidente di Roma avrebbe sconsolatamente mostrato come il pensiero laico meno preparato abbia perso l'orientamento, dimenticandosi del principio dell'autonomia, che postula necessariamente il confronto con l'altro, l'atteggiamento dialogico. A molti è sfuggito - ha  proseguito  Calzolari  -  che  la laicità è un prodotto della cultura cristiana e che la scienza ha avuto in un frate francescano, Guglielmo di Occam, un sostenitore ancora più appassionato dello stesso Galileo. Dal canto suo monsignor Lino Goriup si è premurato di rimarcare l'originalità dell'approccio e dell'analisi del tema, che il Papa ha affrontato nella sua Lectio magistralis offrendone un personale vivace commento. Benedetto XVI inizia la sua riflessione interrogandosi sul significato dell'invito e della sua presenza. In quanto vescovo di Roma egli rivolge la propria autorevole parola ai credenti in Cristo; ma come testimone di una venerabile tradizione di scienza e di sapienza, incarnata dalla Chiesa cattolica, egli si propone anche come rappresentante di una ragionevole "sapienza umana" - il rimando è evidentemente all'Apologia di Platone - che, illuminata dalla notizia centrale della Rivelazione - l'Incarnazione del Logos divino in Cristo Gesù - può a buon diritto farsi voce di una domanda universale del cuore umano oltre che proporsi maestra di vita e di pensiero. Monsignor Goriup ha successivamente stabilito una suggestiva relazione tra l'allocuzione per La Sapienza e il discorso che il Papa tenne a Pavia nel corso della sua visita pastorale del 22 aprile 2007. Anche in quella circostanza incoraggiò il mondo accademico a ritrovare il senso dell'appassionata e assidua ricerca del vero inteso come verità della vita e per la vita. "Aver reso impossibile l'ascolto della proposta intellettuale e intelligente della Chiesa - ha poi concluso - significa aver perso l'occasione di un prezioso richiamo ad allargare gli orizzonti di una ragione che finisce per smarrirsi quando rinchiude se stessa e il mondo nei limiti della prevedibilità e della ripetizione".

Da ultimo è intervenuto Giorgio Israel, matematico e intellettuale ebreo, anche lui ordinario a La Sapienza e duramente attaccato, nelle settimane scorse, per la sua difesa di Benedetto XVI.

Il docente ha spiegato anzitutto le ragioni della propria simpatia intellettuale per il Pontefice, con cui condivide la battaglia contro una visione "ristretta" della ragione, di matrice naturalistica:  oggi tutti vediamo come la razionalità astorica delle scienze fisico-matematiche venga a contrapporsi alla razionalità storica come se questa non avesse diritto di esistere. Egli si è detto profondamente convinto che, viceversa, solo una ragione aperta alla sapienza, alla tradizione, alla storia, alla spiritualità, alla persona, al mistero, insomma ad ogni aspetto del reale e dell'essere, può veramente essere fondamento di civiltà, contro ogni deriva ideologica violenta e totalitaria.

La cultura europea ha bisogno di confrontarsi sui suoi contenuti portanti. Ha necessità di continuare a trasmettere alle nuove generazioni le proprie radici giudaico-cristiane ed elleniche, per evitare di offrire loro un mondo senza tradizioni, vuoto, la cui costruzione debba essere compiuta nello sbandamento più completo. Ha il dovere di offrire loro grandi sintesi culturali, come quelle realizzatesi nel rinascimento, quando "Atene trovò posto entro Gerusalemme", come quelle formatesi dal Seicento in poi... Benedetto XVI giustamente combatte contro un'idea arrogante di scienza secondo cui nella conoscenza naturale tutto si trova incluso:  un'idea che rende tristi, perché il semplice sapere di tipo oggettivista dà soltanto il senso del proprio limite. Occorre che anche l'uomo di scienza abbia consapevolezza di essere un individuo finito, destinato a non assimilare mai tutta la verità, ma solo ad approssimarsi sempre di più ad essa.


Copyright  L'Osservatore Romano

Banner 25x4.jpg

link     SRM Newsletter n. 153

            altri numeri,  pdf o html

 

info e contatti: pcentofanti@gmail.com

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation