Ricerca  
giovedì 20 settembre 2018 ..:: News 2010 » News Novembre 2010 » Evandro Agazzi: scienza e teologia non possono ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Il prof. Agazzi lo ha spiegato nella conferenza tenuta a Roma il 24 novembre scorso per il Master in Scienza e Fede, nell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum. Dobbiamo evitare l'idea “che la scienza sia capace di risolvere tutti i problemi umani”, ha affermato, e soprattutto che sia in grado di provare l'esistenza o non esistenza di Dio, e di dare quindi alla fede basi empiriche per confermarla o per negarle validità oggettiva e razionale.

Ma la ricerca scientifica non ci offre certezze nemmeno per la conoscenza del mondo fisico; così, se “il positivismo poteva ancora illudersi che la scienza desse delle conoscenze assolutamente certe, definitive, irrevocabili”, da Popper in poi la filosofia, insieme alla non definitività dei risultati empirici, hanno demolito una tale illusione, giungendo all'idea che tutto ciò che gli scienziati verificano, desumono, teorizzano, sia comunque “in linea di principio confutabile, modificabile”, in definitiva “fallibile, per usare una espressione ormai assolutamente nell'uso”. E anche senza arrivare a recenti “eccessi, come negare comunque la certezza della conoscenza scientifica”, abbiamo però ulteriori ragioni per comprendere come tale conoscenza non sia assoluta e non possa aiutarci a individuare o negare la trascendenza, ovvero Dio.

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation