Ricerca  
venerdì 22 novembre 2019 ..:: Home » News precedenti » La memoria del passato per progettare il futuro ::..   Login
Il sito www.srmedia.org è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Sul presente sito non vi sono utenti attivi né precedentemente registrati, e non è più possibile registrarsi Privacy Policy Chi siamo L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.srmedia.org. Come abbiamo già specificato, è stato migrato dal 2010 al nuovo sito www.srmedia.info Quali dati personali raccogliamo e perché li raccogliamo Commenti: non è possibile lasciare commenti su questo sito Media: non potete caricare immagini o video su questo sito. Le immagini caricate precedentemente non contengono informazioni sulla posizione. Modulo di contatto Cookie Non è possibile lasciare commenti o accedere con account su questo sito. Non è possibile caricare o modificare articoli su questo sito. Contenuto incorporato da altri siti web: su questo sito non vi sono contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.) da altri siti web. Analytics Con chi condividiamo i tuoi dati Per quanto tempo conserviamo i tuoi dati Non è possibile inserire commenti a pagine o articoli di questo sito web. Gli utenti non possono registrarsi al nostro sito web. Non esistono informazioni personali su utenti, perché non vi sono utenti registrati. Gli amministratori del sito web non possono quindi vedere e modificare informazioni su eventuali utenti, perché non previsti su questo sito web. Quali diritti hai sui tuoi dati: Non vi sono account, né quindi dati personali su questo sito. Dove spediamo i tuoi dati: non spediamo dati di alcun tipo. Le tue informazioni di contatto pcentofanti@gmail.com Informazioni aggiuntive Come proteggiamo i tuoi dati Quali procedure abbiamo predisposto per prevenire la violazione dei dati Da quali terze parti riceviamo dati Quale processo decisionale automatizzato e/o profilazione facciamo con i dati dell’utente Requisiti di informativa normativa del settore

Conferenza stampa (10.02.2009) per lo STOQ Congress 2009, intervento di S.E. Mons. Gianfranco Ravasi link

Link  altri video, canale video

Fisichella: ricerca libera, ma non libertaria

La cultura tramite privilegiato tra fede e ragione

da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM

Il benvenuto al Pontefice del presidente francese Nicolas Sarkozy
da L'Osservatore Romano,
testo completo, SRM

L'opportunità di una vera liberazione spirituale
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link  
articolo Osservatore Romano, SRM

L'incontro con il Papa un evento memorabile
da L'Osservatore Romano, 15-16 settembre 2008
link 
articolo Osservatore Romano, SRM
 
Nel paese dei miracoli
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link  articolo Osservatore Romano, SRM

La riflessione di Joseph Ratzinger sull’evoluzione
di Gennaro Auletta
link testo completo, SRM

Darwin? Un'occasione di dialogo
da L'Osservatore Romano, 17 settembre 2008
link 
SRM, articolo Osservatore Romano

LHC CERN: intervista esclusiva al Prof. Michelangelo Mangano
link

Il clima al Meeting: "Atmosphera", intervista al prof. Gargantini
Link

Verso un nuovo concetto di specie ? L'intervista al Prof. Gennaro Auletta
Link 
notizia completa, SRM

Laser per immagini simili alla Sindone: intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini
Link 
SRM, notizia breve con immagini


Tutta la Creazione geme: il dibattito su creazione ed evoluzione

La conferenza a Sidney del Cardinale Christoph Schönborn sul tema dell'evoluzione.
SRM, testo completo Zenit

Un nuovo concetto di specie ?
Intervista SRM al Prof. Gennaro Auletta

Questione ecologica e vita dell'uomo nel mondo
da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

La disperata ricerca di una zattera di ghiaccio

da L'Osservatore Romano del 10 luglio 2008

Immagini della Sindone riprodotte con Laser
Intervista Zenit al Dr. Giuseppe Baldacchini

Verso un nuovo concetto di specie ?
La Scuola estiva di Poblet propone un nuovo concetto di specie, SRM

Il darwinismo da diversi punti di vista
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano 13 luglio 2008

La falsa contrapposizione tra scienza e fede
Mons. Fiorenzo Facchini

da L'Osservatore Romano, 4  luglio 2008

Intervista a Mons. Gianfranco Ravasi
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link 
Infoethics

Lo statuto dell'essere umano nell'epoca della scienza
Mons. Marcelo Sanchez Sorondo

da L'Osservatore Romano, 23-24 giugno 2008

Intervista a Mons. Lorenzo Leuzzi 
Simposio Europeo Docenti Universitari
Link  Infoethics

Evoluzione e Creazione. Una falsa antinomia
Mons. Gianfranco Ravasi

L'Osservatore Romano, 10 giugno 2008

Rilanciamo la filosofia per comprendere meglio la modernità
L'udienza di Benedetto XVI ai partecipanti al sesto Simposio europeo dei docenti universitari
da L'Osservatore Romano, 7 giugno 2008
Link 
L'Osservatore Romano

Allargare gli orizzonti della razionalità - Card. Camillo Ruini
da L'Osservatore Romano, 6 giugno 2008

L'evoluzione del dialogo - Tomasz Trafy, Gennaro Auletta
Il Sole 24 Ore, 6 aprile 2008

L'extraterrestre è mio fratello - Padre J.G.Funes
L'Osservatore Romano, 14 maggio 2008

Link 
News precedenti

 



Il presidente della Conferenza episcopale italiana Angelo Bagnasco al Meeting di Rimini

da L'Osservatore Romano del 25-26 agosto 2008)


Rimini, 25. "Oggi, come in altri periodi della storia, si vuole che la Chiesa rimanga in chiesa:  si vorrebbe negare la dimensione pubblica della fede, concedendone la possibilità nel privato". È uno dei passaggi dell'intervento che il presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei), il cardinale Angelo Bagnasco, ha tenuto ieri a Rimini nel corso del Meeting per l'amicizia fra i popoli. "Il culto e la carità", ha detto il cardinale, "sono apprezzati anche dalla mentalità laicista:  in fondo, si pensa, la preghiera non fa male a nessuno, e la carità fa bene a tutti. In altri termini - ha continuato - si vorrebbe negare la dimensione pubblica della fede concedendone la possibilità nel privato. A tutti si riconosce come sacra la libertà di coscienza, ma dai cattolici, a volte, si pretende che essi prescindano dalla fede che forma la loro coscienza".
Tuttavia, aveva spiegato il cardinale in un passaggio precedente dello stesso intervento, "non è la voglia di mondano protagonismo che muove la Chiesa fin dalle sue origini ma il bisogno del cuore:  l'amore a Cristo, all'uomo, al mondo  nel  quale  la  Chiesa  è  fatta carne".
Oggi, ha detto ancora il presidente della Cei, "il popolo di Dio è chiamato a partecipare alla storia umana anche con la difesa della ragione. Può sembrare singolare che la fede difenda la ragione ma - come ho già detto - Cristo salva l'uomo nella sua interezza. Il relativismo, che il Papa richiama come un tarlo della società e della storia occidentale, richiede la luce della ragione intesa come la facoltà del vero. Affermare l'efficacia della ragione non è "totalmente altro" dall'annuncio evangelico; non significa diminuire il vangelo per impicciarsi di argomenti di competenza altrui. È intrinsecamente connesso:  fede e ragione si richiamano a vicenda, sono implicati reciprocamente nell'unità della persona".
La Chiesa fa storia, ha ricordato il cardinale Bagnasco, e "partecipa alla costruzione della storia universale. La Chiesa custodisce, infatti, la memoria della storia dell'uomo fin dalle origini:  la memoria della sua creazione, della sua dignità e della sua caduta". Ha detto ancora il porporato:  "La Chiesa dice al mondo - in particolare oggi all'Europa - che il passato non può essere impunemente negato in nome dell'economia, della tecnologia, o dello scientismo. Ricorda che il ruolo del passato ha rilievo e ha un valore imprescindibile per l'oggi, pena lo sfaldamento dell'identità di una Nazione o di un continente. Pena lo smarrimento personale e collettivo di un popolo che non sa più chi sia e dove vada. Invita tutti a riprendere il bandolo del proprio passato con i suoi grandi tratti distintivi per potersi pensare di nuovo come un intero, e così progettare il futuro affrontando senza paure e complessi, a viso alto, le sfide della modernità". La Chiesa, ha detto il cardinale, "ricorda al secolarismo e al laicismo che pretendere di costruire la storia senza Dio è costruirla contro l'uomo".
Allo stesso modo, se uno Stato "tradisce l'insieme di idee e valori spirituali ed etici che costituiscono "l'anima della nazione", la sua identità profonda - aveva detto in precedenza il cardinale -, tradirebbe la gente in ciò che essa ha di più intimo e di più suo". Uno Stato che tradisse quell'anima "colpirebbe ciò che consente a una moltitudine di sentirsi popolo e a un territorio di essere sentito come "casa", "patria". Tradire l'anima di un popolo, magari con processi corrosivi e subdoli, vuol dire sgretolare, in nome di qualche ideologia o disegno politico-economico, ciò che consente a ognuno di sentirsi parte di un tutto. Significa derubarlo di ciò in cui crede, che gli appartiene, che gli è stato tramandato come patrimonio, che è la sua forza unificante. Un patrimonio ideale che permette di percepirsi "famiglia"".
A proposito di famiglia, intesa però in questo caso come nucleo fondamentale della società, il cardinale Bagnasco ha spiegato, rispondendo alle domande di alcuni giornalisti, che i vescovi italiani sono "non poco preoccupati" dalle difficoltà che "attraversano tante famiglie nella vita quotidiana". Il presidente della Cei ha ribadito di parlare "senza la pretesa di dettare agende a nessuno", ma soltanto raccogliendo "una realtà estremamente complessa e ricca di urgenze". Ha detto il cardinale:  "Dando voce come pastori alla nostra esperienza più diretta tutti vediamo la difficoltà di tante famiglie nella vita quotidiana. È una situazione che ci preoccupa non poco, e l'affrontiamo con i nostri sacerdoti come abbiamo sempre fatto:  grazie alla generosità di tanti e cercando di essere una presenza propositiva rispetto alle fatiche delle famiglie nell'arrivare alla fine del mese". Il presidente della Cei ha parlato anche dei progetti di riforma federalista di cui si sta discutendo in Italia:  "Delocalizzare - ha spiegato - per meglio servire la gente può essere un principio validissimo se ciò è complementare alla identità di un popolo o di una nazione".


©L'Osservatore Romano

Banner 25x4.jpg

link     SRM Newsletter n. 153

            altri numeri,  pdf o html

 

info e contatti: pcentofanti@gmail.com

Copyright (c) 2000-2009   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation